Siena, presentato Sannino: il nuovo tecnico riparte dal 4-4-2 di Conte ma con esterni meno offensivi. "La squadra rispecchia i crismi del mio calcio"

Scritto da: -

sannino_presentazione_2.jpg

Ripartirà dal 4-4-2 il Siena, reduce dal pronto ritorno in serie A, che ieri ha presentato il nuovo tecnico, Giuseppe Sannino. 54 anni, artefice del miracolo Varese, riportato in serie B e poi condotto ad un passo dalla finale play off, ha subito messo in chiaro le carte sul piano tecnico. L’ex varesino si è definito di formazione sacchiana, ma non integralista: “Il Siena, lo scorso anno, ha rispecchiato i crismi del mio calcio - ha spiegato - spero di riuscire a continuare il grande lavoro svolto da Antonio Conte, che merita di allenare la Juventus. Per ciò che concerne il modulo prediligo il 4-4-2, ma i numeri valgono quello che valgono. Alla base del gioco del calcio, per me ci sono i concetti“.  

“Con i miei giocatori - ha aggiunto Sannino - ho sempre avuto un rapporto basato sulla chiarezza. Al primo giorno di ritiro dico loro: io sono questo, sono al tuo fianco, ma io sono il mister e tu il giocatore. Carrozza? A Varese, per motivi di organico, ho dovuto utilizzarlo esterno, ma lui è un’ottima seconda punta. Per il legame che ho con lui direi sì, lo vorrei, ma ogni valutazione sull’allestimento della squadra lo faremo nei prossimi giorni discutendone insieme”.

Intanto, però, sul piano dell’organico, il duo Perinetti-Sannino dovrebbe ripartire da alcuni capisaldi: a cominciare dal redivivo Calaiò, autore di 18 gol nell’ultimo campionato di serie B e alfiere della promozione, oltre all’interessante difensore centrale Luca Rossettini, classe ‘85, quest’anno pedina inamovibile della retroguardia toscana. Da rivedere, invece, la situazione sulle fasce, dove il nuovo tecnico ha subito chiarito di interpretare il ruolo in maniera meno offensivo, rispetto al suo predecessore. Tutte da verificare, dunque, le conferme di Reginaldo, Troianiello e Sestu, che quest’anno hanno contribuito con 12 reti (rispettivamente sei, due e quattro) al fatturato complessivo di squadra.

 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!